Il nostro Advisory Board è un’entità composta da personalità esperte ed eminenti del mondo accademico e culturale. Lo scopo dell’Advisory Board è di dare un contributo al dibattito e alla riflessione su questioni importanti della nostra società.

L’Advisory Board è composto da Adriana Albini, Direttore del Laboratorio di Biologia e Angiogenesi Vascolare dell’IRCCS MultiMedica di Milano; Lucilla Titta, Coordinatrice del progetto SmartFood, presso il Dipartimento di Oncologia Sperimentale dello IEO – Istituto Europeo di Oncologia; Giovanni Pellegri, Responsabile de L’ideatorio – Università della Svizzera italiana e Giacinto Di Pietrantonio, Professore di storia dell’arte, Accademia di Brera a Milano, Curatore Residenze BoCS Art Cosenza e Direttore Autostrada Biennale Prizren Kosovo.

Adriana Albini

Docente di Patologia generale all’Università di Milano-Bicocca e Direttrice del Laboratorio di Biologia Vascolare alla MultiMedica di Milano

Nata a Venezia, Adriana Albini è laureata in Chimica Indirizzo Organico-Biologico e lavora a Milano presso l’IRCCS MultiMedica, dove è Responsabile della Ricerca Oncologica del Polo Scientifico e Tecnologico, ed è inoltre Responsabile del Laboratorio di Biologia Vascolare del CBA-Centro di Biotecnologie Avanzate di Genova.

È stata da giugno 2004 fino all’ottobre 2006 Vice Direttore per la Ricerca dell’IST (Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro) e Responsabile del Dipartimento di Oncologia Traslazionale. E’ Presidente Eletto della Società Italiana di Cancerologia (SIC), Past President della Società Internazionale per lo Studio della Metastasi, consigliere strategico dell’Associazione Europea Per la Ricerca sul Cancro (EACR) e rappresentante europea nel consiglio direttivo dell’associazione americana “Donne nella Ricerca sul Cancro-WICR”. Da marzo 2018, è uno dei nuovi cinque membri del Consiglio direttivo (Board of Directors) dell’Aacr (American Association for Cancer Research), è la prima italiana ad entrare nel board di questa associazione, una delle più antiche e prestigiose a livello mondiali.

Ha vinto cinque premi scientifici di cui due all’estero, in Germania e negli Stati Uniti, paesi nei quali ha lavorato come “scientist” per 7 anni. In Italia si è aggiudicata il premio Firenze Donna per il settore ricerca scientifica nel 2000, il premio Amelia Earhart nel 2004, il premio Berlucchi nel 2007. Ha pubblicato oltre duecentosessanta articoli di ricerca sperimentale sulle più qualificate riviste scientifiche americane ed europee con impact factor (citazioni).

Si occupa di biologia molecolare e di angiogenesi, ovvero di come “soffocare i tumori”. In questo settore, ha sviluppato nuove terapie biologiche e geniche, ed è titolare di brevetti per nuovi approcci terapeutici.

Lucilla Titta

Coordinatrice del progetto SmartFood, presso il Dipartimento di Oncologia Sperimentale dello IEO – Istituto Europeo di Oncologia

Lucilla Titta, PhD, è ricercatrice in scienze nutrizionali, scienziata e consulente presso il Dipartimento di Oncologia Sperimentale dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) di Milano. Coordina il progetto SmartFood, un programma di ricerca in scienze della nutrizione e della comunicazione promosso dall’IEO. Dal 2015 è consulente tecnico-scientifico per il progetto FBO (Food Bank in Oncology), in collaborazione con Fondazione Tera.

È inoltre consulente, in qualità di esperta in nutrizione ed educazione alimentare, per numerose istituzioni pubbliche e private. Relatrice a convegni nazionali e internazionali, è anche autrice di numerose pubblicazioni scientifiche e divulgative; in particolare il libro e SmartFood Diet, pubblicato da Rizzoli nel 2016, è un bestseller tradotto in 10 lingue e venduto in oltre 20 paesi. Dal 2010 svolge un’intensa attività di divulgazione scientifica, collaborando con varie testate giornalistiche, radio e TV.

Giovanni Pellegri

Responsabile de L’ideatorio – Università della Svizzera italiana

Giovanni Pellegri (Lugano, 1966) ha conseguito la laurea in biologia, premiata per l’eccellenza dei risultati ottenuti, presso la Facoltà di Scienze dell´Università di Losanna. Ha svolto un dottorato in neurobiologia presso la Facoltà di medicina di Losanna, anch’esso premiato come migliore ricerca dell’anno dalla rivista scientifica “Le Scienze” (ed. italiana di Scientific American). Dopo aver dedicato 7 anni ad un’associazione attiva in ambito umanitario e sociale, è entrato all’USI – Università della Svizzera italiana di Lugano, al Servizio Ricerca, con il compito di promuovere la ricerca scientifica e in particolare quella europea. Dal 2005 ha creato L’ideatorio, un servizio dell’USI che si occupa del dialogo tra scienza e società e della promozione della cultura scientifica. L’ideatorio propone esposizioni scientifiche, percorsi didattici, studi sulla percezione pubblica della scienza, vacanze scientifiche, festival della scienza, ecc.

Collabora con diverse iniziative cantonali, nazionali e internazionali. Inoltre dal 2006 collabora, come conduttore e redattore, con il programma “Il Giardino di Albert” della RSI Radiotelevisione svizzera. È membro del comitato della Società ticinese di scienze naturali, del comitato della Settimana del cervello e dell’Assemblea di Caritas Ticino. Dal 2004 è coordinatore regionale, presso l’Università della Svizzera italiana, della Fondazione “Science et Cité” che si occupa di promuovere il dialogo tra la scienza e i cittadini.

Giacinto Di Pietrantonio

Professore di storia dell’arte, Accademia di Brera a Milano, Curatore Residenze BoCS Art Cosenza, Direttore Autostrada Biennale Prizren Kosovo

Giacinto Di Pietrantonio è Curatore delle Residenze BoCS Art di Cosenza da aprile 2018 e Direttore dell’Autostrada Biennale Prizren Kosovo. È Docente di 2 insegnamenti presso l’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano: Sistemi Editoriali per l’Arte e Teoria e Storia dei Metodi di Rappresentazione. È stato tra i fondatori, nel 2003, dell’AMACI (Associazione Musei d’Arte Contemporanea Italiani), di cui attualmente è membro del Consiglio d’Amministrazione e direttore di I love Museums, la rivista organo di informazione dell’Associazione.

Dal 2000 al 2017 è stato Direttore della GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo. Ha ricoperto il ruolo di Redattore Capo prima e Vicedirettore poi per Flash Art Italia dal 1986 al 1992, rivista con cui continua a collaborare. Dal 2011 tiene la rubrica “Per diritto di cronaca” sulla rivista Artribune e, con Luca Rossi, la rubrica online “Oltre il giardino” sul sito Whitehouse.

Tra le molte mostre da lui curate, ricordiamo la mostra degli artisti russi all’interno della rassegna “Passaggi ad Oriente” alla Biennale di Venezia del 1993, le edizioni di “Fuori Uso” del 1995, 1997, 1998 e 1999 e “Over the Edges” con Jan Hoet a Gand (Belgio). È stato curatore del Corso Superiore di Arti Visive presso la Fondazione Antonio Ratti di Como dal 1995 al 2004 ed è Consulente del Premio Furla – Querini Stampalia per l’Arte.

Commissario della Quadriennale di Roma 2005, è membro del comitato scientifico della Fondazione Kogart di Budapest, della Galleria Civica Palazzo Asperia di Alessandria, di MUSEION di Bolzano e dello Spazio Oberdan di Milano.