In PENDING

Secondo il giornalista scientifico Gianluca Dotti, specializzato nello scovare bufale scientifiche, ci sono alcune accortezze da adottare ogni volta che ci imbattiamo in una notizia (specie se clamorosa) sui social:

1) Ricordati che quanto condividiamo su Facebook e Instagram (e qualsiasi altro social) rimane per sempre. Se validi con un like una bufala, contribuisci a diffondere una notizia falsa e comprometti la tua reputazione.

2) Per valutare l’attendibilità di una notizia, il numero delle condivisioni e dei like che ha ottenuto non è un parametro attendibile.

3) I contenuti fortemente emozionali molto spesso sono falsi. Un’informazione scientifica deve essere equilibrata in tutti i suoi aspetti, emotivi e razionali.

4) Come si riconosce una bufala? E’ molto difficile, non c’è una formula magica. Ma ci sono alcuni accorgimenti che ci possono aiutare:

  • Controllare la url della pagina (le bufale sono condivise spesso da siti sconosciuti, stranieri) e gli errori di spelling (Fonte: Il Falto Quodidiano, Rebubblica, ecc.).
  • Fare un minimo di ricerca online, scrivendo le parole chiave su google. Bisogna fare lo sforzo di andare dentro nell’articolo per capire di cosa si tratta.
  • Andare a vedere le fonti su cui si basa la notizia.

5) Per verificare la veridicità di un’immagine, puoi partire inserendo su google l’immagine. Poi ti può aiutare il motore di ricerca TinEye, che ti dà la cronologia di pubblicazione delle immagini.

6) Ricordati che la scienza non è un sistema di verità assolute: ci possono essere temi controversi, soprattutto nella “scienza di frontiera”. Se trovi affermazioni troppo perentorie e poco documentate, sono segnali di scarsa attendibilità.

7) Ti sei mai chiesto qual è il “motore” che porta alla costruzione delle bufale? Risposta: inventare spiegazioni plausibili (ma false) per spiegare eventi eccezionali.

8) Infine, una raccomandazione: quando sei davanti a un contenuto, cerca di aprire la tua mente. Chiediti sempre chi ci guadagna e perché è stata costruita questa notizia.

partecipanti e relatori evento Let's Science fumetti a milano""