In Storie contagiose

A soli 25 anni Inés Yabar ha le idee molto chiare e s’impegna attivamente per dar vita ai propri ideali.

Inés, giovane peruviana che attualmente vive a Parigi, ha contribuito alla creazione di Makeense TV, una community che tramite un canale in abbonamento “dà idee, suggerimenti e connessioni per rafforzare la solidarietà in tempi di crisi” e fornisce regolarmente informazioni attendibili e utili sul Covid-19. Makesense TV ha sede in Francia, ma il servizio è disponibile anche per gli utenti di lingua inglese, in modo da raggiungere un pubblico più ampio.

Inés è anche una delle fondatrici di Ensemble pour TECHO, un’associazione che vuole far conoscere in Francia e in Europa l’attività di TECHO, un’organizzazione non governativa che lavora con 500 comunità in America Latina e cerca di sradicare la povertà attraverso la sensibilizzazione e la raccolta fondi.

In tempi di epidemia l’impegno prioritario è di aiutare lo staff medico di un ospedale a ricevere mascherine. E poi è importante diffondere una corretta informazione: per questo Inés ha contribuito alla creazione di una pagina FAQ Covid-19, che spiega in modo molto semplice quali sono le buone pratiche e i modi più efficaci per proteggersi dal Coronavirus.

TECHO ha anche lanciato un crowdfunding per far arrivare nelle aree più svantaggiate le forniture igieniche necessarie per prevenire la diffusione di Covid-19, offrire kit alimentari e alloggi di emergenza alle famiglie colpite dalla pandemia e dare supporto per la gestione del servizio idrico, in modo da consentire un frequente e corretto lavaggio delle mani. Un impegno quantomai necessario in un’area del mondo particolarmente provata dalla diffusione del Coronavirus.

L’impegno di Inés, sintetizzato nel suo motto “Diffondi senso e non il virus”, è un buon esempio di come i giovani, con il proprio talento e la loro carica d’entusiasmo, possono produrre idee innovative e fare network per sviluppare azioni efficaci di solidarietà.

Clicca qui per leggere le altre storie contagiose!
rugbyPiù rischi di effetto serra per “colpa” di un virus