Redazione IBSA 4 ottobre 2021 9 min

"La Scienza a regola d'Arte" - Stefano Arienti e Paolo Mazzarello

Una cura per questo mondo malato: Stefano Arienti e Paolo Mazzarello in conversazione


L'ottavo dialogo del ciclo "La Scienza a regola d'Arte" si è tenuto giovedì 14 ottobre 2021, al LAC Lugano.

Stefano Arienti, artista italiano contemporaneo e Paolo Mazzarello, Professore Ordinario di Storia della Medicina presso l’Università di Pavia, hanno riflettuto sul ruolo dell’arte e della scienza come “cure” per il nostro mondo moderno

 

Immagine evento - Doppio autoritratto

Stefano Arienti, "Doppio Autoritratto", 1997

 

 

L'arte, nella sua declinazione più sociale e culturale, rappresenta un elemento fortemente identitario ed imprescindibile nella vita di un essere umano.

La scienza, invece, è l'indice evolutivo di una società: è attraverso la possibilità di sviluppare soluzioni in ambito scientifico che misuriamo l'avanzamento tecnologico del contesto in cui viviamo.

Ad accomunare questi due elementi è il loro potere curativo nei confronti del singolo, ma anche e soprattutto a beneficio di un'intera comunità. A dividerli da sempre, invece, i processi creativi: se l'arte è indipendente dal tempo e dallo spazio, la scienza segue parametri e percorsi ben precisi. 

A moderare il dialogo fra i due relatori, la divulgatrice scientifica e co-presidente di BrainCircle Lugano, Clara Caverzasio, che ha offerto moltissimi spunti interessanti per arricchire l'evento. 

Dal 2017 la  collaborazione tra MASI Lugano e IBSA Foundation permette ad entrambi, e al pubblico, di confrontarsi su discipline che potrebbero sembrare distanti ma che sono, in realtà molto più simili di quanto sembri.

 


 

Stefano Arienti - Autoritratto retino

Stefano Arienti

Nato ad Asola, in provincia di Mantova, nel 1961, è laureato in agraria e si avvicina all’arte attraverso la frequentazione di figure di spicco della cultura milanese tra cui Corrado Levi. Esordisce a metà degli anni Ottanta alla Brown Boveri (una ex-fabbrica utilizzata come luogo d’incontro e sperimentazione da molti giovani artisti) a Milano, ottenendo importanti riconoscimenti dalla critica. Fin dall’inizio la sua ricerca rivolge l’attenzione ai processi di analisi e manipolazione di immagini e materiali tratti dal mondo reale e quotidiano: attraverso un processo del tutto personale e sempre nuovo, l’autore li trasfigura, offrendo loro una possibilità di significazione inedita e sorprendente. Il lavoro di Arienti prende dunque le mosse da oggetti e figure preesistenti – includendo la tradizione dell’arte antica e le forme della cultura popolare – ma ne realizza alterazioni e traduzioni che ne modificano il senso, in un processo creativo dirompente. L’artista affronta temi chiave come il rapporto con la realtà naturale, il ruolo dell'immaginazione e il concetto di originalità; in anni più recenti si è cimentato nella realizzazione e installazione di opere monumentali, che sono però sempre esito di un processo conoscitivo dal basso, ispirato da un preciso contesto culturale. Rielaborando materiali "poveri" e d'uso comune – tra i quali figurano di frequente la carta, i libri e le immagini tratte da cartoline, poster o fotocopie, come pure il polistirolo, la plastica, la plastilina, le stoffe – Arienti realizza opere che stupiscono lo spettatore, lo invitano a riflettere sul tema della "meraviglia" e ne sollecitano la partecipazione.

 

Paolo Mazzarello_1

Paolo Mazzarello 

Professore Ordinario di Storia della Medicina nell’Università di Pavia, dove si è laureato con lode in Medicina nel 1980, è specialista in Neurologia (1984) e Dottore di Ricerca in Scienze Neurologiche (1987). Dal 2007 è Presidente del Sistema Museale di Ateneo di Pavia dove attualmente dirige “Kosmos”, il Museo di Storia Naturale basato sull’idea, da lui proposta, del viaggio come impresa scientifica. Ha collaborato con i quotidiani “La Stampa”, “Corriere della Sera” e ha scritto sui suoi supplementi “Sette” e “La Lettura”. Mazzarello è autore di circa 250 articoli su riviste nazionali e internazionali (tra l’altro ha scritto sulle riviste: “Lancet”, “Nature”, Nature Rev. Mol. Cell Biology”, “Endeavour”). Fra i suoi libri più recenti si segnalano L’erba della Regina. Storia di un decotto miracoloso (Bollati Boringhieri 2013), E si salvò anche la madre (Bollati Boringhieri 2015), L’elefante di Napoleone (Bompiani 2017), L’inferno sulla vetta (Bompiani 2019), Ombre nella mente (Bollati Boringhieri 2020). Il suo ultimo libro, L’intrigo Spallanzani, è dedicato alla figura del grande naturalista Lazzaro Spallanzani e a una drammatica vicenda nella quale venne coinvolto durante il suo viaggio a Costantinopoli nel 1785-86. Mazzarello è membro effettivo dell’Istituto Lombardo - Accademia di Scienze e Lettere (segretario della Classe di Scienze Morali dal 2020) - e membro dell’Academia Europaea (The Academy of Europe).


 

Giovedì 14 ottobre 2021

Ore 18:30, LAC Lugano, Hall

L’evento era gratuito e si è tenuto in italiano.

È stato necessario presentare un certificato COVID-19 unitamente a un documento d’identità. L’uso della mascherina era obbligatorio.

La partecipazione era possibile soltanto su prenotazione

 

avatar

Redazione IBSA

IBSA Foundation for scientific research promuove una divulgazione scientifica autorevole ed accessibile atta alla tutela della salute e sostiene giovani studenti e ricercatori grazie all’istituzione delle Fellowship e di eventi dedicati.