Redazione IBSA 15 aprile 2021 14 min

Vincitori Fellowship 2020

5 aree di ricerca, 162 progetti candidati provenienti da tutto il mondo, 5 borse di studio per un valore totale di 150.000 euro. Sono i numeri dell'ottava edizione delle Fellowship di IBSA Foundation per la ricerca scientifica che ogni anno sostiene i percorsi di ricerca di giovani ricercatori under 40, provenienti da Università e Istituti di qualsiasi parte del mondo, che si sono distinti per le loro capacità e per progetti particolarmente rilevanti che potrebbero in futuro cambiare il trattamento di particolari patologie.

Akiko Omori, Jan Kroon, Sara Carmela Credendino, Anna Gryadunova e Yingying Cong sono i giovani ricercatori vincitori della borsa di studio del valore di 30.000 euro ciascuna, selezionati dal Scientific Board di IBSA Foundation e che si sono confrontati sul terreno di indagine di cinque aree terapeutiche: Dermatologia, Endocrinologia, Fertilità e Urologia, Medicina del Dolore, Ortopedia e Reumatologia, e Infezioni da Coronavirus, quest'ultima 'categoria speciale' di quest’anno (special edition).

"Siamo molto orgogliosi del successo ottenuto dall'edizione di quest'anno, testimoniato dal record di candidature ricevute, tutte caratterizzate da un altissimo livello di qualità e valore scientifico dei progetti di ricerca" - commenta Silvia Misiti, Direttore di IBSA Foundation. "La risposta che riceviamo dai giovani ricercatori, il loro entusiasmo e la loro dedizione, sono per noi lo stimolo a continuare su questo percorso di promozione e sostegno del talento. Siamo convinti che da questo dipenda anche la nostra salute ed è questo che più di tutto ci ha insegnato l'ultimo anno segnato dalla pandemia: investire nella ricerca e nell’innovazione medico-scientifica significa trovare nuove risposte alle sfide ancora aperte nell'ambito della salute".

Inoltre, la cerimonia di premiazione tenutasi il 14 aprile scorso, in diretta streaming, ha visto la partecipazione di un ospite d'eccezione. Il Prof. Alberto Mantovani, Direttore Scientifico dell'Istituto Clinico Humanitas e Professore Emerito di Patologia Generale all'Humanitas University, ha presenziato all'assegnazione delle borse di studio ed è intervenuto sul tema della responsabilità sociale della ricerca scientifica e sul ruolo cruciale di una divulgazione chiara ed efficace nel creare maggiore partecipazione, cultura e interesse della società verso il mondo scientifico. 

Per rivedere la cerimonia di premiazione con l'assegnazione delle borse di studio 2020 vi invitiamo a farlo sui canali Facebook (ITA) e YouTube (EN) di IBSA Foundation.

 

Guarda l'evento


Vincitori

 

Akiko Omori with Future Award

Dermatologia: Akiko Omori

Dip. Di Biologia, Istituto Veneto di Medicina Molecolare (VIMM), Università degli Studi di Padova

Progetto: Esplorare il ruolo dei cambiamenti della morfologia mitocondriale nelle cellule staminali del melanoma

Nonostante le recenti scoperte dovute all'immunoterapia, la prognosi del melanoma metastatico rimane scarsa.  In questo progetto verrà affrontato il ruolo dei mitocondri, e in particolare della proteina mitocondriale Opa1 nelle cellule staminali tumorali del melanoma, spesso considerate le responsabili della sorveglianza immunitaria del melanoma e dell'evasione dalla chemioterapia. Sulla base di dati preliminari prodotti nel nostro laboratorio che mostrano che Opa1 è richiesta in modelli murini di melanoma, per le cellule staminali di melanociti normali, così come per la crescita del melanoma in vitro, abbiamo deciso di verificare l'ipotesi che Opa1 sia essenziale per le cellule staminali del melanoma. È stato deciso di utilizzare un approccio su più fronti, prima per caratterizzare la morfologia mitocondriale nelle cellule staminali del melanoma e poi per capire   come Opa1 cambia le proprietà delle cellule staminali del melanoma in vitro. In conclusione, cercheremo di stabilire se e perché Opa1 può essere utilizzato come target farmacologico per combattere il melanoma.



Jan Kroon with Future Award

Endocrinologia: Jan Kroon

Dip. Medicina Interna, Endocrinologia, Leiden University Medical Center

Progetto: Trattamento farmacologico con glucocorticoidi disintossicanti: L'identificazione dei partner di segnalazione che causano effetti collaterali

In tutto il mondo, milioni di pazienti sono dipendenti dal trattamento con farmaci glucocorticoidi a causa della sua forte attività antinfiammatoria. Tuttavia, il trattamento con glucocorticoidi è spesso accompagnato da effetti collaterali tra cui debolezza muscolare e iperglicemia. In questo progetto verranno studiati  quali fattori di segnalazione cellulare sono responsabili di questi effetti collaterali. Impiegheremo una nuova tecnica molecolare per identificare i fattori che sono coinvolti nella via di segnalazione cellulare dei glucocorticoidi. Utilizzando modelli di colture cellulari e modelli animali di malattie infiammatorie, confermeremo se la rimozione selettiva di questi fattori identificati impedirà gli effetti collaterali dei glucocorticoidi, mantenendo l'attività terapeutica. In definitiva, questi risultati porteranno a una migliore comprensione di come il trattamento con glucocorticoidi sia la responsabile di effetti collaterali, contribuendo allo sviluppo di "farmaci glucocorticoidi privi di effetti collaterali".



Sara Carmela Credendino with Future Award

Fertilità/Urologia: Sara Carmela Credendino

Dip. di Medicina Molecolare e Biotecnologie Mediche, Università degli Studi di Napoli Federico II

Progetto: Effetti diretti e transgenerazionali del benzo[a]pirene, un comune inquinante ambientale, sulla fertilità del topo

Gli inquinanti ambientali stanno emergendo tra le cause della riduzione della fertilità umana degli ultimi decenni. Il benzo[a]pirene (BaP) è un inquinante atmosferico che, provenendo anche da fonti naturali, non può mai essere completamente eliminato. Diversi studi riportano effetti riproduttivi avversi del BaP, anche se gli effetti del BaP prenatale e perinatale sugli individui esposti e sui loro discendenti sono poco compresi. In questo progetto mi propongo di valutare gli effetti diretti e transgenerazionali dell'esposizione al BaP nel topo, a partire dai primi anni di vita fetale. BaP sarà somministrato solo alle madri incinte e fino alla fine dell'allattamento, poi alle cucciolate fino a cinque mesi di età. Tre generazioni saranno analizzate per le prestazioni riproduttive, il dosaggio ormonale, le alterazioni istologiche e molecolari, con particolare attenzione alle modifiche epigenetiche. Obiettivo dello studio è quello di identificare i bersagli che mediano gli effetti diretti e transgenerazionali del BaP, collegando così i difetti molecolari con la fitness riproduttiva.



AnnaGryadunova

Medicina del dolore / Ortopedia / Reumatologia: Anna Gryadunova

Dip. di Biomedicina, Laboratorio di Ingegneria Cartilaginea, Università di Basilea

Progetto: Nanoghosts come piattaforma di consegna del gene per componenti CRISPR nella riparazione del disco intervertebrale

Il mal di schiena cronico è una delle principali cause di disabilità e la ragione principale per le prescrizioni di oppioidi non cancerogeni. Tale dolore è di solito associato alla degenerazione discale intervertebrale, caratterizzata dalla rottura di uno o più dischi che separano le ossa della colonna vertebrale. Nonostante il grande bisogno, non esiste ancora una terapia rigenerativa, anche a causa del duro microambiente degenerativo che inibisce la capacità rigenerativa delle cellule terapeutiche. La rigenerazione del disco potrebbe essere potenziata dalla “upregolazione” di un fattore di crescita GDF-5, una proteina fondamentale per il mantenimento dell'omeostasi del disco intervertebrale. Utilizzando la tecnologia di gene-editing nota come attivazione CRISPR, proponiamo quindi di “upregolare” GDF-5 endogeno in condizioni degenerative difficili. Tuttavia, la traduzione clinica della terapia genica è molto limitata dai problemi di sicurezza associati ai comuni vettori utilizzati per l’introduzione dei geni e in alternativa proponiamo di usare nanoghosts non virali, vescicole nanometriche derivate dalle membrane cellulari del paziente. Questo è il primo studio che va a valutare i nanoghost per l’introduzione di componenti più grandi indispensabili per l'applicazione della tecnologia CRISPR nel campo della rigenerazione muscoloscheletrica.



Yingying Cong with Future Award

Edizione speciale- Infezione da coronavirus: Yingying Cong

Dip. di Scienze Biomediche Cellulare e dei Sistemi Biologici, University Medical Center Groningen

Progetto: Uccidere i coronavirus colpendoli al cuore

Recentemente abbiamo dimostrato che un'interazione altamente conservata tra due proteine coronavirali è vitale per l'infezione del coronavirus nelle cellule ospiti. Questo progetto è quello di identificare le molecole di piombo che mirano specificamente a questa interazione. Useremo due metodi per raggiungere questo obiettivo. Il primo è quello di stabilire un saggio miniaturizzato per valutare l'interazione tra queste due proteine e usarlo per vagliare una libreria di 100'000 composti. Un altro è quello di progettare chimere mirate alla proteolisi (PROTACs) per mirare a questo complesso per la degradazione. I successi di queste due vie saranno testati in modelli di infezione contro i coronavirus in linee cellulari, tra cui il virus dell'epatite del topo (MHV), HCoV-OC43 e SARS-CoV-2. Inoltre, i candidati che bloccano queste tre infezioni da coronavirus saranno ulteriormente testati nel modello di infezione da SARS-CoV-2 in cellule epiteliali bronchiali primarie e nel modello di infezione da MHV nei topi. Con il nostro screening da in vitro a in vivo, ci aspettiamo di identificare una pista terapeutica sia per l'attuale che per le future epidemie di Covid.

avatar

Redazione IBSA

IBSA Foundation for Scientific Research promuove una divulgazione scientifica autorevole ed accessibile atta alla tutela della salute e sostiene giovani studenti e ricercatori grazie all’istituzione delle Fellowship e di eventi dedicati.